7 caratteristiche della persona predisposta a ludopatia

ludopatiall gioco d’azzardo legalizzato è uno dei settori in più rapida crescita in Italia e nel mondo. Infatti, negli ultimi anni abbiamo assistito a un aumento costante di sale slot. Per la maggior parte dei clienti del settore, il gioco d’azzardo è una forma di intrattenimento divertente ed innocua. Tuttavia, dal 4% al 6% dei giocatori d’azzardo, può diventare una dipendenza (ludopatia)!

E così mentre ogni anno si allargano le casse dello stato, aumenta anche il numero di persone coinvolte.

Le conseguenze sulla sfera psicologica, sociale ed economica possono essere devastanti sia per la persona coinvolta che per la sua famiglia!

Le cause specifiche della ludopatia non sono note.

Ma è possibile identificare dei tratti di personalità tipici della persona soggetta a ludopatia.

Secondo una ricerca dell’Istituto di fisiologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche di Catanzaro, pubblicata sul Journal of Neuroscience Methods, il profilo del giocatore d’azzardo è caratterizzato da: bassa apertura mentale, bassa coscienziosità, sfiducia nel prossimo, tratti depressivi, impulsività, ricerca di emozioni positive.

Approfondiamo i tratti caratteriali del “gambler” (giocatore d’azzardo compulsivo).

1.       Difficoltà a percepire le emozioni e una maggiore tendenza all’azione

Le persone predisposte a ludopatia non sono connesse con le proprie emozioni. Non riescono a comprendere cosa accade nel loro mondo interno. Se provano emozioni dolorose sono più orientate ad agire piuttosto che a sentire. Pertanto possono sviluppare l’azione compulsiva, come il gioco compulsivo.

2.      Impulsività

L’impulsività è un aspetto fondamentale della personalità predisposta a ludopatia.

I livelli di impulsività possono influenzare l’esordio di un disturbo del controllo degli impulsi, come il gioco d’azzardo patologico o un disturbo da uso di sostanze.

Ciò non significa che tutte le persone impulsive svilupperanno abitudini o problemi di gioco! Ma può accadere se concorrono tutti i fattori predisponenti al momento giusto.

Maschi e femmine differiscono nei fattori che contribuiscono allo sviluppo di problemi di gioco.

I maschi hanno una maggiore propensione rispetto alle femmine ad abusare di sostanze in combinazione con un problema di gioco. In contrasto con i maschi, le donne hanno meno probabilità di usare abilità adattive per la gestione dello stress.  

3.       Strategie di copying disadattive

Nei periodi di stress hanno difficoltà a trovare strategie funzionali per gestire la pressione emotiva.

Lightsey e Hulsey (2002), hanno trovato tra i giocatori  compulsivi un’alta correlazione positiva tra le strategie di coping inefficaci e l’alta impulsività/compulsività. Sembrerebbe, quindi, che il giocatore compulsivo abbia difficoltà a gestire in modo efficace sia questioni pratiche che emotive. E ricorrerebbe all’azione compulsiva per autoregolare lo stress.

4.       L’incapacità di ritardare una gratificazione

E’ un segnale correlato all’impulsività.

Petry (2001) ha sottoposto dei giocatori d’azzardo compulsivi a una serie di compiti comportamentali. Ha mostrato che le persone con ludopatia, con e senza disturbi da abuso di sostanze, hanno una maggiore difficoltà ad aspettare la ricompensa. Tendono ad avere interesse per gli stimoli gratificanti immediati.

5.       Irrequietezza e irritabilità

Le persone con una predisposizione al gioco compulsivo possono presentare tensione e agitazione psico-fisica che spesso sfocia in irritabilità.

Spesso anche le persone che gli sono vicine possono essere “contagiate” dalla loro irrequietezza!

6.       Comportamento antisociale

È noto che i giocatori patologici mostrano un comportamento antisociale in associazione al disturbo del controllo degli impulsi (Slutske et al., 2001).

Le cause del gioco d’azzardo patologico e del disturbo antisociale di personalità sono correlate a fattori genetici e ambientali.

7.       Alterazioni neurofisiologiche

E’ stato dimostrato che i giocatori compulsivi presentano un’alterazione nel rilascio di dopamina.

La dopamina è una sostanza del cervello (neurotrasmettitore) che regola la percezione della ricompensa/gratificazione.

E’ stato dimostrato che  la semplice aspettativa di guadagno favorisce il rilascio di dopamina, e quindi amplifica la percezione di una gratificazione.

Ovviamente, avere queste caratteristiche psicologiche, non vuol dire sviluppare necessariamente un problema di controllo degli impulsi, come il gioco d’azzardo!

 

A chi rivolgersi

Il gioco non è più considerato, come in passato, semplicemente un vizio. Infatti le strutture sanitarie sono sempre più attrezzate ad accogliere questo tipo di problema.

Per cui se il gioco compulsivo inizia a compromettere seriamente la vostra vita o la vita di un vostro parente, considerate la possibilità di rivolgervi a un esperto (psicologo, medico di base, psichiatra, SerT del vostro ospedale).

Per uscire dal gioco patologico, è consigliabile seguire un percorso integrato. La psicoterapia può aiutare a favorire strategie positive nella gestione dei comportamenti compulsivi.

Laddove la psicoterapia non basta, si può integrare la terapia farmacologica. L’uso di psicofarmaci specifici può agire positivamente sul rilascio della dopamina (sostanza che regola la percezione della ricompensa).

 

Grazie per la lettura!

Se volete approfondimenti o volete lasciare un commento, potete scrivermi di seguito!

Mariangela Romanelli Psicologo Bologna Psicologo TrevisoMariangela Romanelli

Psicoterapeuta Bologna – Treviso

3454109766

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>